La Croazia va di moda! Questo Paese è diventato un vero e proprio bersaglio turistico negli ultimi anni grazie alla bellezza e particolarità delle sue coste, alla sua storia, alla sua idiosincrasia, e -perchè tacerlo!- grazie alla fama e all'impulso che le ha comportato fare da scenario mitico a vari episodi della saga Game of Thrones. In questo Paese, parte della ex Jugoslavia, è possibile trovare una combinazione perfetta tra mare, patrimonio culturale, natura e gastronomia.


Sarà necessario un break di qualche giorno per visitare i punti più interessanti della Croazia a livello turistico; una settimana è più che sufficiente, iniziando da Dubrovnik, al sud, per finire a Pola nel nord. Pwer muovervi più liberamente, vi consigliamo di noleggiare un'auto; attenti però ai prezzi che di solito non sono proprio abbordabilissimi. Consultate e fate qaulche simulazione per comparare i prezzi sui vari siti di auto a noleggio piuttosto che rivolgervi alle agenzie locali.


Giorno 1: Dubrovnik

In alta stagione è la città più visitata dai turisti, per cui è consigliabile svegliarsi presto per evitare la massa di visitatori soprattutto nei punti strategici della località e anche per evitare il soffocante caldo croato a mezzogiorno. Vale la pena dedicare tempo a conoscere tutto quel tesoro culturale e artistico racchiuso all'interno delle mura, e dichiarato appunto Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1979. Se poi siete fan della già citata serie Trono di Spade, potrete avere sotto i vostri occhi King's Landing / Approdo del Re. Preparatevi per percorrere a piedi in una lunga passeggiata i suoi più di 2 km di muraglia, salire le scale delle stradine perpendicolari alla via Stradun, e avvicinarvi così alla Cattedrale, al Forte di Lovrijenac fino al Porto vecchio di Dubrovinik. E se tutto questo già vi sorprende, la parte esterna alle mura vi stupirà ancor di più.

Approfittate della funivia per vedere Dubrovnik dall'alto, prendendola da un punto vicino alle mura: vi porterà in cima a una collina da dove non solo potrete osservare uno splendido panorama di tutta la città, ma anche uno dei più bei tramonti sul Mediterraneo.


Giorno 2: Escursione a Mostar

Ok, non è Croazia, ma è molto vicina a Dubrovnik, e sarebbe un peccato non vederla. In più, potrebbe essere un interessante punto intermedio di sosta in viaggio verso Split. Mostar effettivamente oggi fa parte della Bosnia e fu uno dei luoghi più sofferti nella guerra dei Balcani.

Per questo motivo è doveroso non perdersi la ricostruzione e rinascita architettonica di tutti quei monumenti che sono stati eretti a simbolo della città, come il ponte ricostruito, oggi metafora del suo bellicoso passato. Se siete abbastanza coraggiosi, provate a sfidare le basse temperature del fiume facendo un bagno in qualsiasi epoca dell'anno. Ricordate prima di partire che è obbligatorio per passare la frontiera, essere muniti di passaporto per i controlli all'uscita/entrata del Paese.


Giorno 3: Spalato (Split)

Un altro dei numerosi gioielli che regala la Croazia. Il suo centro storico merita di essere percorso in tutto il perimetro per scoprire posti come il Palazzo di Diocleziano una vera e propria città dentro la città, e la zona del Lungomare con i suoi edifici. Evidente l'influsso dell'architettura italiana, che invade e riempie ogni dettaglio in un'atmosfera senza tempo.

Se vi interessano le visit culturali ai musei, non perdetevi il Museo Archeologico, fondato nel XIX secolo.


Giorno 4: Zara (Zadar)

Ubicata sulle coste della Dalmazia, Zara è il connubio perfetto tra cultura e mare, riuscendo cosí ad offrire tantissimo ai suoi migliaia di visitatori annuali. Essendo meno nota rispetto alle altre città ad alto impatto turistico, è la meta di ideale per chi ha voglia di rilassarsi lontano da frotte di turisti. Una delle attrazioni più degne di nota, a parte la zona del centro storico monumentale, è il cosiddetto Organo marino, un'opera d'arte archittetonica costruita nel 2005 e composta da una serie di scalini digradanti verso il mare che producono suggestivi suoni in base all'inclinazione del moto ondoso.


Giorno 5: Laghi di Plitvice

Un parco nazionale di straordinaria bellezza, immerso in uno scenario naturale tra i più affascinanti in Europa. Il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice si trova nella regione di Lička Plješivica ed è stato dichiarato Patrimonio dell'UNESCO grazie ai suoi più di 33.000 ettari acque, boschi e percorsi naturali che si snodano tra circa 800 laghi della zona formando un paesaggio carsico dalla vegetazione ricca e folta, dove le diverse tonalità cromatiche hanno il potere di avvolgervi in una cornice fantastica di cascate ed elementi naturali.

L'orario di apertura del Parco è dalle 7:00 alle 19:00, per cui se volete visitarlo con tranquillità e senza perdervi nulla, sarà necessario alzarsi presto.


Giorno 6: Zagabria

Moltissimi sono i viaggiatori che visitando la Croazia, "saltano" una visita alla città di Zagabria.

Grave errore! Zagabria è una di quelle città la cui magia si svela agli occhi del turista snodandosi poco a poco per le stradine del centro storico. La sua grandezza è ancora oggi evidente nell'architettura e nei suoi monumenti, che invitano a calzare comodi scarponcini per scoprire la parte più alta: qui potrete osservare in tutto il suo splendore la pittoresca Chiesa di San Marco, la Cattedrale , il Dolac Market ,via Tkalciceva o la zone della Torre Lotrscak.

Se avete tempo, non perdetevi l'originalissimo Museo delle Relazioni Interrotte , dove centinaia di coppie hanno partecipato attivamente per allestire una grande esposizione sul disamore, speranze e tradimenti.


Giorno 7: Pola

Per chiudere in bellezza, niente di meglio che lasciare il cuore e gli occhi in questa bella cittadina del Nord, sulla costa istriana, il cui passato trova testimonianza nell'anfiteatro, nel foro romano e nel tempio di Augusto, cosi come nell'Arco dei Sergi e nel Palazzo Comunale di epoca rinascimentale.

Particolare anche il Mosaico del Supplizio di Dirce, un luogo affascinante per gli amanti della storia e della cultura romana. E se prima di anar via vi avanza ancora tempo, fate una visita alla zona della Spiagguua di Verduela per salutare il Mediterraneo.


Sicuramente il viaggio vi sarà sembrato molto breve, e in effetti manca una visita anche alle bellissime isole croate, un'esperienza molto interessante che vi proporremo in un altro dei nostri articoli.