Ti aiutiamo?

Servizio Assistenza 24h/24 365/gg per imprevisti o inconvenienti

Gestisci la tua prenotazione

Crea il tuo account

O iscriviti con

  • Accumula Saldo Extra

    Accumula saldo extra e risparmia con la promozione Invita un Amico + Salvadanaio Reserving!

  • Offerte esclusive

    Ricevi le migliori offerte e promozioni sulla tua email

  • Salva le tue ricerche

    Consulta di nuovo le tue destinazioni e i tuoi hotel preferiti quando vuoi

Viaggi d'autunno

La stagione autunnale ci riporta alla scoperta di luoghi speciali, trasformati dalla natura in una tavolozza di colori che sembrano riportare la calma dopo l’estate calda e frenetica. Colline dai colori mozzafiato e piccoli borghi dove i piaceri della vita sembrano non finire mai, sono le destinazioni perfette da visitare in autunno.In Italia esistono un’infinità di luoghi da visitare in quest’epoca dell’anno, ecco le più belle mete autunnali da immortalare e assaporare.

Autunno d’oro di Merano - Trentino Alto Adige

La cittadina ai piedi del Monte Ivigna e del Monte Merano, è il luogo ideale per gli amanti delle escursioni in montagna, è proprio in questo periodo dell’anno che i colori delle foglie degli alberi assumono i toni classici dell’autunno, che vanno dal giallo, all’arancione, al rosso e al marrone. Sono molti gli escursionisti e appassionati del fenomeno del foliage che scelgono Merano come meta perfetta per osservare questo tripudio di colori che la natura ci regala ogni anno. I vigneti e le cantine di Merano, durante la vendemmia, possono essere visitati da turisti e visitatori trascinati dalle musiche della Festa dell’Uva, in cui si festeggia la fine della raccolta. La festa, con una tradizione centenaria, è una vera e propria esplosione di colori e suoni che riunisce numerose bande musicali e gruppi folkloristici provenienti da tutta la regione. Finalmente, per i palati più esperti e intenditori, non possiamo non menzionare il Merano Wine Festival, che si svolge in cinque differenti location all’interno della città: Il Kurhaus (capolavoro in stile liberty), la Passeggiata Meranese Lungo Passirio di Sissi, l’Hotel Terme Merano, la Piazza della Rena e il Teatro Puccini.

Terme di Saturnia e campagna maremmana – Toscana

Conosciute fin dai tempi degli Etruschi, le Terme di Saturnia sono situate ai piedi del borgo medievale di Saturnia, circondate dalla suggestiva campagna maremmana. È possibile accedere liberamente e gratuitamente alle Cascate del Mulino, dette anche cascatelle, aperte tutto l’anno e a qualsiasi ora del giorno e della notte. Dietro una nuvola di vapore si celano le piccole cascate che sgorgano attraverso un vecchio mulino, formando una scalinata naturale che crea un ambiente unico e quasi irreale. Per i gli amanti del lusso e del relax, è possibile soggiornare nel raffinato Terme di Saturnia Hotel & Spa, circondato da quattro piscine di acqua sulfurea a 37º. La struttura offre numerosi trattamenti di bellezza ed esclusivi percorsi per la cura del corpo e della mente. La Maremma, terra ricca di storia e tradizione, è un luogo in cui la natura ha dato il meglio di sé: colline e montagne dai colori unici, un tratto di costa tirrenica dalle acquee cristalline, borghi e siti archeologici facilmente raggiungibili a piedi, in bicicletta o a cavallo. Meritano speciale attenzione l'itinerario Capalbo-Manciano, l'anello di Montorgiali e Polveraia e la cittadina di Castiglione della Pescaia.

Le Langhe – Asti e Cuneo

La regione delle Langhe è compresa tra la province di Asti e Cuneo, dove colline, montagne e vigneti sono circondati da borghi storici e castelli medievali. Il paesaggio è un susseguirsi di vigneti che danno vita a vini di internazionale prestigio come il Barolo, il Barbaresco e il Roero. Le rocche del Roero, Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco, sono un vero e proprio spettacolo della natura, un sogno per paleontologi e botanici: pareti a picco e guglie color ocra, spuntano tra la vegetazione rigogliosa. Grazie ell'Ecomuseo delle Rocche di Roero, è possibile essere accompagnati, da guide esperte, alla scoperta di questa meravigliosa zona del Piemonte. Il parco è un vero e proprio museo a cielo aperto, con una rete sentieristica diversificata e adatta a ogni tipo di pubblico. All'interno si trovano una serie di percorsi naturalistici che ci mostrano le tradizioni e i prodotti tipici della zona: la castagna, il miele, il tartufo, il vino e tanto altro. La ricerca del tartufo e l'elaborazione del vino, sono due delle più importanti attività delle Langhe. Per i più curiosi, è possibile prenotare una passeggiata fra le tartufaie, accompagnati dal trifolau e i cani cercatori di questo misterioso fungo. Per quanto riguarda gli amanti del vino, grazie alle cantine dalle ridotte dimensioni, è possibile organizzare un tour enogastronomico e una degustazione guidata. Ecco alcune delle cantine che aprono le loro porte a visitatori e curiosi: Azienda agricola Fabrizio Battaglino, Cà Neuva, Cocito Dario, Fratelli Pavia e tante altre.

Matera

La città dei sassi in veste autunnale è una meta da non perdere, i Sassi e le Murgia si fondono perfettamente con il paesaggio che circonda la città, rendendo ancor più unica l'esperienza di visitatori e turisti. I colori di questa stagione e le temperature più miti, permettono di godersi appieno questo gioiello nominato Patrimonio Mondiale dell'Umanità e Capitale della Cultura Europea per il 2019. La città ha origini molto antiche, tanto che i primi insediamenti umani risalgono al Paleolitico, momento in cui gli uomini iniziarono ad abitare le grotte tufo naturali. Con l'arrivo del Cristianesimo, il paesaggio fu modificato e trasformato per la realizzazione di luoghi di culto. Tra le numerose chiese presenti nella città, la più imponente è sicuramente la Cattedrale di Matera. Una volta realizzati i monumenti religiosi, prende forma il nucleo urbano diviso in due parti: il Sasso Barisano a est e il Sasso Caveoso rivolto a sud. Visitare i Sassi, significa immergersi in un patrimonio culturale e naturale senza eguali. Il susseguirsi dei periodi storici è impresso nelle grotte, nei palazzi, nelle chiese, nei giardini e negli orti che formano il complesso architettonico dei Sassi: Medioevo, Rinascimento, Barocco e modernismo, si alternano fra loro per dare vita a un luogo magico e unico al mondo. Particolarmente interessanti, sono le chiese rupestri dei Sassi in cui è possibile vedere perfettamente il passaggio dalla Preistoria al Cristianesimo; tra le più interessanti troviamo: Santa Maria de Idris, San Giovanni in Monterrone, Santa Lucia alle Malve e San Pietro Barisano.

↑